Bollo auto, a cosa serve e quanto costa

10 Febbraio 2021 Off Di Eleonora

La tassa automobilistica è un tributo che deve essere pagato da tutti coloro che risultano essere proprietari di una o più automobili provviste di assicurazione.
Il bollo viene pagato annualmente e l’utilizzo o meno del veicolo non incide sul pagamento, quindi va pagato indipendentemente dal fatto che l’auto è ferma o che circoli normalmente.

Quanto costa il bollo auto

Il calcolo del costo del bollo auto tiene conto di diversi fattori, tra cui: la regione di appartenenza, la potenza del veicolo, dal peso complessivo, dalla sua destinazione (trasporto merci, trasporto di persone), e dell’uso. (terzi o proprio)
Inoltre c’è una differenza di prezzo anche in base al veicolo, se si parla di un autoveicolo o di un motoveicolo.
Il primo pagamento viene effettuato il mese successivo a quello dell’immatricolazione. Per tutti i successivi invece, si ha tempo fino all’ultimo giorno del mese in cui il veicolo è stato immatricolato.
I ritardi di pagamento vengono puniti con delle multe, più passa il tempo più la percentuale della multa aumenta. Dopo tre anni di non pagamento viene direttamente ritirata la targa del veicolo e la carta di circolazione, di conseguenza non si potrà più circolare.
Per tornare a circolare bisogna iscrivere nuovamente il veicolo al PRA e pagare tutti gli arretrati.
Oltre al bollo d’auto, dal 2011 i veicoli che hanno una potenza maggiore a 185kW devono pagare il superbollo che si differenzia dal bollo in quanto, il superbollo finisce all’Erario mentre il bollo finisce alla Regione stessa. Per poterlo pagare bisogna utilizzare un apposito modello e un apposito codice.
Si possono consultare diversi siti internet per quanto riguarda il costo del bollo della propria auto.

Per quanto riguarda la modalità di pagamento, si può pagare in diversi modi tra cui:

-tabaccherie autorizzate, ricevitorie sisal, sportelli e bancomat aderenti alla piattaforma pagoPA
-con domiciliazione bancaria;
-online sulla piattaforma pagoPA;

Attraverso il sito delle agenzie delle entrate è possibile verificare lo stato del pagamento e se ci sono eventuali bolli arretrati da pagare. E’ un controllo utile per togliere qualsiasi dubbio e mettersi in regola con i pagamenti oppure quando si ha intenzione di comprare una nuova auto è utile verificare quando sarà la scadenza di quel bollo lì. Per effettuare questo controllo è necessario indicare il tipo di veicolo, la regione, il numero di targa del veicolo e l’anno di riferimento.

Ci sono dei casi straordinari in cui non è dovuto il pagamento del bollo auto. Tra questi troviamo:

-nel caso in cui l’auto fosse intestata a un soggetto con gravi patologie, handicap o affetto da disabilità;
-nel caso in cui il veicolo sia stato soggetto a furto, sequestro o fermo amministrativo, portato definitivamente via dal proprio stato o demolito.
Nel caso in cui la macchina viene venduta non ci sarà nessun tipo di rimborso, semplicemente l’acquirente sarà coperto fino alla prossima scadenza del bollo.
Inoltre, non è previsto il pagamento del bollo per tutti i seguenti veicoli:
-autoambulanze;
-veicoli elettrici o esclusivamente a gas;
-veicoli ad idrogeno;
-veicoli che hanno più di trent’anni, quindi d’epoca; (in questo caso si paga solamente la tassa di circolazione che è pari circa a 30 euro)
-autoveicoli dedicati al trasporto di cure mediche per persone bisognose;
-autoveicoli di protezione civile;
-autobus;
Per altre categorie di autoveicoli invece è possibile avere dei piccoli sconti in base a diversi criteri.